Traduci gli articoli

martedì 9 giugno 2015

Out of Control: Greatness Awaits - Sparse Edition, i casi di The Witcher e le curiose scelte dei media

 
Greatness Awaits, This is for the Players, Only on PS4, 1080p or Die, Le più grandi esclusive sono solo su PlayStation 4 e così via.

Quante volte avete letto questi slogan di Sony in giro per siti web, spot in TV o manifesti nelle principali città del mondo?

Quante volte avete letto da parte degli sviluppatori che programmare su PS4 era così facile che quasi il codice andava da solo grazie alle "performanti memorie GDDR5 che, unite al maggior numero di ROPs, ALUs e Stream Processor" rendevano il lavoro facile e snello per chiunque sviluppasse giochi per la console di Sony?

Quante volte avete letto da parte di "presunti ingegneri e sviluppatori rimasti anonimi" che PS4 era la console più potente?

Quante volte avete letto da parte di "membri di NeoGaf e Beyond3D" che Xbox One fosse un hardware basato sulla scadente GPU Bonaire di AMD e resa menomata dall'inutile eSRAM? 

Quante volte avete letto che le DirectX 12 mai e poi mai sarebbero arrivate su Xbox One e che, in caso contrario, non sarebbero servite a nulla?

Quante volte avete letto sul Digital Foundry che, riassumendo, "la versione consigliata del gioco X è quella per PS4 grazie ad una maggiore pulizia dell'immagine per via della risoluzione nativa di 1080p"?

Quante volte avete storto il naso perchè, screenshot alla mano, qualcosa non tornava confrontando lo stesso gioco tra PS4 e Xbox One?

Quante volte avete visto i vari video del Digital Foundry che, messi vicini, presentavano fastidiosi artefatti grafici e cali di frame rate?

Quante volte avete letto titoloni dei soliti siti che riportavano in bella mostra le differenze di risoluzione (in una manciata di giochi, alla fine...) tra i titoli PS4 e Xbox One?

E quante volte vi siete sorbiti la solita solfa, figlia del marketing aggressivo di Sony, che i 1080p era la cosa indispensabile in un videogioco? 


Più andiamo avanti e più il castello di carte allestito da Sony stessa inizia a perdere pezzi, crollando ad ogni piccolo soffio di vento. Ormai è sotto gli occhi di tutti, compresi, finalmente, la stessa utenza di PlayStation 4 che qualcosa non torna. Non torna perchè giocare ad un titolo imponente come The Witcher 3: Wild Hunt sotto i 30 frame per secondo, con cali anche fino a 19fps nelle situazioni più caotiche (di cui il gioco di CD Projekt RED è strapieno...) inizia a irritare anche i fanboy più convinti.

E a nulla sono servite ben 4 patch dal lancio del gioco: la fluidità arranca, così come arranca il caricamento di alcune porzioni dello scenario e il lento caricamento delle texture. Nell'altra sponda invece, forti della risoluzione dinamica e i 900p di base, l'esperienza è gratificante, liscio come l'olio nella maggior parte delle situazioni grazie ad un frame rate costante e ancorato, il più volte, sui 30fps.

Ovviamente sto parlando della versione Xbox One di The Witcher 3 che, a conti fatti, è quella che regala l'esperienza definitiva, almeno su console. Si suol dire, come diceva mio nonno, che le bugie hanno le gambe corte, proprio come le gambette di alcuni elementi di Sony, a partire da Shuei Yoshida che, con i suoi stupidi sketch e le false promesse (o meglio, promesse non mantenute), sta mostrando il vero "lato" sia di Sony che di PS4.

Vi hanno inondato di motivetti come il Greatness Awaits (i pazienti verranno premiati! Con cosa, ancora non si sa...anche quest'anno ci sarà davvero poco da giocare dato che la line up sarà comunque "Sparse") che, dal lancio di PS4 sul mercato, ha visto una manciata di tripla A che sono andati al di sotto delle aspetattive (il Forza-Killer Driveclub, l'Halo-Killer Killzone e quel capolavoro non capito di The Order: 1886, ossia il Gears of War next gen è su PlayStation 4 e via discorrendo).


Da una parte Sony, con i suoi proclami da battaglia, da una parte i media (e facciamoli i nomi, da Eurogamer a IGN, da Gamespot a EDGE, da Kotaku a tutta una serie di discutibili blog e forum) sembrava che Xbox One fosse spacciata in tutto e per tutto, e a nulla sono servite stupende esclusive disponibili già dal lancio e che hanno accompagnato i giocatori sino in questi giorni: titoli massacrati (Ryse? Dead Rising 3? Forza Motorsport 5?) dalla critica perchè "non vanno in Full HD nativo, si vedono le persone in 2D a bordo pista, il frame rate perde 5 frame dopo 3 ore di gioco".

Bisognerebbe fare un salto indietro nel tempo, riprendere i titoli bastonati dai media lato Xbox One e confrontarli, oggi, con quei capolavori disponibili su PS4. Non ho letto nessun articolo trattare in modo denigratorio i giochi per PS4, vengono sempre elogiati (almeno sino al loro arrivo...), esaltati, visti come la rivoluzione del gaming.

Ora che la verità sta emergendo, si farà sempre più dura per Sony a tenere il passo dei Microsoft Studios, i media tentano in tutti i modi di "nascondere" quanto di buono sta facendo la casa di Redmond con Xbox One.

Faccio tre esempi: l'HEVC per Xbox One, i titoli dei podcast di IGN, i titoli più attesi da Gamespot da questo E3 2015.

Del primo, come saprete, è un codec (h265, evoluzione del precedente h264) che serve per la riproduzione a 4K, con profondità di colore a 10bit (contro i precedenti 8-bit), di flussi video in streaming. Un processo dannatamente pesante che richiede software e hardware dedicati, cosa che, AMD, ha fatto intendere come presenti su Xbox One. Il fatto divertente è che sia su NeoGaf (da adesso in poi SonyGaf) che su Beyond 3D (da oggi, Beyond Sony D) avevano messo in discussione il tutto sentenziando come lo slide ufficiale di AMD "fosse frutto di un banale errore di battitura":


Già, l'HEVC verrà utilizzato da Xbox One per effettuare anche lo streaming dei giochi verso PC garantendo non solo i 1080p e 30/60fps, ma anche risoluzioni maggiori, ossia 4K. Attenzione, si parla di streaming, non di giochi nativi per Xbox One.

Una buona notizia per l'avvento di Netflix in Italia, chissà se ci sarà anche da noi il supporto ai 4K (aggiornamento: Netflix in Italia vanterà anche streaming a 4K).

Il fatto curioso è che i media non ne hanno parlato, o sono stati in pochi a riportare la notizia, ma la cosa più bella è che, come al solito, i saccenti di SonyGaf, presunti insider su Twitter ed espertoni qualificati (non si sa dove però) su Beyond Sony D sono stati sbugiardati proprio da Microsoft, che ha rilasciato nei giorni scorsi un update di sistema "silente", ossia privo di changelog e cambiamenti di sistema.

Ma spulciando meglio, ecco cosa è uscito fuori:


Ma bastava fare anche una semplice ricerca tra gli sviluppatori di Xbox One per rendersi conto che tale notizia fosse veritiera e non frutto di chissà quali errori di AMD, dato che il codec HEVC era già previsto da anni:


Anche perchè Xbox One nasce anche come sistema multimediale, quindi l'integrazione dell'HEVC era davvero plausibile.

Dall'HEVC ora passiamo al trattamento dei media che, come al solito, non perdono tempo nell'offrire bassezze di ogni tipo, e mi riferisco ad IGN e Gamespot. Leggete qua:

- IGN (Xbox One): What's wrong with the Rise of the Tomb Raider Trailer? (letteralmente, che cosa è andato storto nel trailer di ROTTR?)

- IGN (Xbox One): Is Gears of War's Rebooted Developer Trapped? (Lo sviluppatore di Gears of War è intrappolato con il reboot del gioco?) 

- IGN (PS4): Why we love Uncharted Collection (perchè amiamo la collection di Uncharted)

- IGN (PS4): Why we love The Order's Lenght (perchè amimao la durata di The Order)

- Gamestop: i titoli più attesi dell'E3 2015 (notare come manchino Rise of the Tomb Raider e Gears of War 4 di Xbox One, più altre IP esclusive, sempre per Xbox One mentre sono presenti indie per PS4, The Last Guardian e Persona 5...)

Piccola chicca: Rod Fergusson di The Coalition (nuovo nome di Black Tusk Games) ha notato la cosa e non l'ha mandata a dire con questo simaptico tweet: "Per me siete morti...#noGears"

Non notate un diverso approccio alle tematiche? Non notate la differenza di aggettivi usati?

Ma da un team di fanboy faziosi e pagati per dire certe cose, non è certo una grossa novità (Ryan è Editor di IGN, guardate il suo commento su Twitter dopo la notizia di Hudson, ex di BioWare, al passaggio ai Microsoft Studios e HoloLens):


Ecco chi dirige queste testate, ecco in che mani sono i videogiocatori che, magari, vorrebbero solo avere notizie fresche e non commentate con giudizi personali di soggetti apertamente schierati.

Ma di esempi così, anche in Italia, troppi ne abbiamo, purtroppo, anche quando si fa riferimento a portali "multiformato" che dovrebbero essere il più trasparenti possibile e oggettivi. Cosa che non si verifica quasi mai.

Purtroppo sono gli stessi elementi che hanno alimentato tutto il tran-tran mediatico sulla presunta potenza di PS4 ai danni di una meno performante Xbox One, ovviamente senza basi certe e arrivando a questa conclusione per la debacle iniziale di alcuni titoli che giravano peggio sulla console di Microsoft (e parliamo di titoli al lancio multipiattaforma, tutti porting diretti di vecchi titoli) e per via di alcuni dati tecnici che, e lo vedremo più avanti, non corrispondevano con le performance attuali.

Per primo fu il Digital Foundry a etichettare la GPU di Xbox One come meno performante, poichè derivazione diretta dalla Bonaire di AMD, rispetto alla ben più capace GPU di PS4 ripresa invece dal chip Pitcairn. Tra l'altro sono due sentenze sbagliate in quanto sia One che PS4 utilizzano GPU custom, e non è possibile mettere a paragone questi chip con quelli per PC:


Vi risulta che Microsoft abbia detto che la GPU di Xbox One è una Bonaire? Io leggo che, come per PS4, hanno utilizzato il chip della famiglia Sea Island senza fornire ulteriori dettagli.

Questo "dato" lo hanno estrapolato facendo un paragone diretto proprio con la Bonaire per PC, ossia contanto ROPs, frequenze, CU e via dicendo.

 Peccato che, e qui casca l'asino, l'hardware di Xbox One sia unico, innovativo, performante, anche a dispetto di un minor numero di elementi (sarà che lavorano al meglio e che non sempre un numero maggiore di componenti significa migliori prestazioni?) e, stranamente per una Bonaire, compatibile nativamente con le DirectX 12, altra cosa recentemente confermata da AMD (e ancor prima da Microsoft, ma sembra non fosse importante...): ebbene, per stessa ammissione di AMD le GPU Pitcairn e Bonaire non potranno contare sulle DX12. Come? E Xbox One come fa allora? Ma poi, PS4 che è più potente, è basata su un chip vecchio mentre Xbox One no?

Purtroppo l'articolo tradotto ha fatto esultare i fanboy PS4 poichè, nel pezzo, ci si chiede se One possa comunque utilizzare anche asset delle DX 12_1 e successive, dato che AMD aveva specificato "solamente" le DX 12_0. Supposizioni del blogger, smontate facilmente poiché One utilizzerà si le DX 12 native, ma sempre ottimizzate per console e quindi compatibili anche con le successive versioni (magari con integrazioni ma anche limitazioni per via dell'hardware, ovviamente).

Decadute quindi, in una settimana appena, le due teorie Bonaire-DX 12 di Xbox One, con la vecchia teoria del DF che può essere bollata come "fake", un falso:

 
Che poi è bastato un tweet di Albert Penello di Microsoft per scatenare il solito putiferio, con il messaggio che diceva come l'hardware di Xbox One fosse comunque conosciuto e senza componenti segreti. Tutto vero, è da HotChips 2014 e dalla successiva IEEE 2014 (grazie a John Sell di MS, articolo In-Depht chiarirà tutto) che si conoscono i dettagli (logici) della console grazie a slide che infatti confermano la bontà del SoC di One e le innovazioni on-board presenti (eSRAM stacked nella GPU, doppia pipeline grafica CGP e doppio pipeline computing CCP). Il problema, semmai, è come leggere tali documenti senza soffermarsi ai numeretti scritti sopra (1.3 TFLOPS, 32MB eSRAM, RAM 8 GB DDR3, possono trarre in inganno!).

Possibile che in pochi hanno notato l'evoluzione di Xbox One? Nessuno nega le defaillance iniziali della console, ma il discorso dei 720p è decaduto in fretta, i nuovi tool e gli SDK hanno sensibilmente migliorato la situazione portando la One a pareggiare i conti con la rivale PS4. Con le ultime produzioni le differenze si sono assottigliate e, in diversi casi, le versioni One dei giochi sono risultati anche meglio sulla console di Microsoft. La differenza marginale di risoluzione non intacca l'esperienza di gioco come la fanno invece altri fattori: frame rate su tutti.

E trovo alquanto discutibili le analisi del Digital Foundry, che già in passato aveva peccato di obiettività. Si ritorna sempre allo stesso punto: possibile che per un po' di pixel in più, anche a discapito di altri aspetti, la versione migliore dei giochi sia sempre e soltanto quella per PS4? Perchè non decretare la "vittoria" ad Xbox One che, ad oggi, ha permesso ai giocatori esperienze più fluide anche se conq ualche pixel in meno? Perchè recitare l'ormai tedioso mantra dei 1080p? Perchè non dire apertamente che il Full HD imposto da Sony agli sviluppatori non porta che malus piuttosto che bonus?

Nel precedente numero di Out of Control ho analizzato le situazioni di Project Cars e, in parte, The Witcher 3: Wild Hunt. Entrambi i titoli girano a 900p su One e 1080p su PS4. E sapete il risultato? Entrambi i giochi sono più godibili su One (checchè ne dica il DF, che sembra sempre chiudere un occhio ai problemi legati a PS4...) perchè, nel caso di Project Cars, vi sono migliori filtri (filtro anisotropico) e l'assenza del "ghost" (immagini che sembrano sdoppiarsi) e, nel caso di The Witcher 3, fluidità garantita anche nelle situazioni più critiche (certo, qualche calo ci sta, ma mai come su PS4). Il DF ha atteso ben 4 patch per sperare in performance migliori, ma sembra che anche con la 1.04 le cose non siano migliorate dalla 1.01: The Witcher 3 su PS4 è ancora instabile, ingiocabile per molti (addirittura su SonyGaf c'è chi chiede l'abbassamento a 900p per ottimizzare meglio la fluidità...) e quello che è accaduto con il lancio del gioco, si sta verificando anche dopo le patch. Anzi, la versione che meglio è stata ottimizzata è, paradossalmente, quella di One, che può contare adesso su 30fps fissi (e ok, qualche drop ci sta, ma mai sotto ai 25fps, con stuttering eliminato dle tutto).

L'analisi condotta da Gamersyde non lascia spazio a dubbi:


Vediamo alcuni dettagli (si ringrazia Eikpard per il materiale fornito):

 1) Comparazione video di The Witcher 3: Wild Hunt (PC) a settaggi Bassi e Ultra


2) Comparazione video di The Witcher 3: Wild Hunt (PC) dopo le varie patch 


3) Comparazione video di The Witcher 3: Wild Hunt (PC, PS4, Xbox One) con day-one patch


4) The Witcher 3: Wild Hunt (PS4) frame rate e predominanza del bianco negli spazi aperti


5) The Witcher 3: Wild Hunt (PS4, Xbox One) frame rate stress test patch 1.03


Ancora una volta, la console più potente (per media e conti aritmetici-non ingegneristici) e quella più facile da programmare è quella che mostra il fianco e i compromessi per mandare il tutto a 1080p sono piuttosto evidenti.

6) The Witcher 3: Wild Hunt (PS4) comparativa frame rate patch 1.03-1.04

E per i tanti che pensavano, cascando alle classiche frasi da PR, che la grafica di The Order: 1886 potesse essere fattibile solo su PlayStation 4, dispiace dare l'ennesima delusione: in una recentissima intervista i Ready at Dawn hanno dichiarato che il gioco potrebbe essere portato anche su Xbox One (e PC) senza troppi problemi (il loro engine insomma, può funzionare ovunque). Già, proprio i Ready at Dawn che, come per SoE, diventeranno una software house senza più vincoli con Sony tanto da poter pubblicare le loro porssime produzioni anche su altri formati. Il castello di carte che perdeva i pezzi, dicevamo...

Greatness Awaits, ma non su Xbox One, dove tutto il "Greatness" può essere provato sin dal primo giorno del lancio. E con l'E3 alle porte...

Xbox is the best Box!

X-Rays

6 commenti:

  1. Sei l'unico che dice la verità. Tra i commenti del video di comparativa delle due versioni con patch ddi the witcher 3 su play 4 ci sono persone che la screditano e che richiedono i 900p (la maggior parte sono pcisti che sono indignati da quel frame rate). Questa è la prima volta che leggo dei commenti così forti su ps4 senza che si metta la one in mezzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione e quest'articolo è nato proprio dopo essermi fatto un giro sui vari forum, anche italiani, per vedere e capire che situazione ci fosse con The Witcher 3 su PS4. I 1080p o muori hanno fatto già il loro tempo....

      Elimina
  2. Per favore X-Rays mandami una foto così inizio a scolpirti una statua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che fa piacere non vedere sempre le solite pecore.

      Elimina